scopri_arrow | #Thin

SKINNY PROJECT

settembre 25, 2014

Il progetto d’interni che interpreta la sottigliezza

Spazi puri, forme elementari, volumi puliti, superfici piane: l’ambiente abitato prende forma e si compone di elementi semplici ed essenziali, nitidi e sottili, determinanti per la definizione dell’interno ma dal carattere discreto e minimale.

01_SKINNY

In House in Moriyama, realizzata da Suppose Design Office , il “progetto sottile” prende forma dallo spazio stretto e lungo del lotto, dalla velata dissoluzione dello spazio interno e dalla luce che, proveniente dall’alto, attraversa i vuoti e si riflette nel bianco etereo delle superfici.

02_SKINNY

In questa raffinata scatola abitata, gli inconvenienti progettuali di minimo ingobro e quasi assenza di finestre sono adeguatamente compensati dalla ridistribuzione degli spazi e dalla creazione di un giardino “esterno/interno”, che unisce lo spazio interno per vocazione – ossia lo spazio casa vero e proprio – e lo spazio esterno per privazione, ossia quello adibito a giardino risultante dalla creazione di stanze dai confini di vetro, quasi impercettibili.

03_SKINNY

Il piano superiore – come una scatola pura sospesa – è definito da forme elementari, volumi semplici in cui tutto si annulla: lo spazio è bianco ed essenziale, le superfici orizzontali e verticali sono piatte e indifferenziate, capaci quasi di annullare l’orientamento. Anche l’attraversamento verticale è minimo, realizzato da una scala di lastre sottili che lasciano più spazio al vuoto che alla materia.

04_SKINNY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato.

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>